logobianco-02trasparente
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. 
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. 
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. 
logobianco-02trasparente
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. 

twitter
linkedin

Fare Formazione alla Juventus

2020-12-11 08:05

Daniele Lalli

Fare Formazione alla Juventus

Il 20 Febbraio 2020 è stata per me una giornata davvero speciale. Successivamente all'incontro avuto a Vinovo con Federico Cherubini, Mercoledì 19 Febbraio..

Il 20 Febbraio 2020 è stata per me una giornata davvero speciale. Successivamente all'incontro avuto a Vinovo con Federico Cherubini, Mercoledì 19 Febbraio sono tornato a Torino con l'incarico di svolgere formazione al settore giovanile bianconero.

L'emozione è stata davvero grande. La settimana precedente all'incontro è stata per me come aspettare da bambino l'arrivo di babbo Natale.

Parto dal JHotel intorno alle 9 così da essere per le 9:45 al centro di allenamenti a Vinovo. Al mio arrivo trovo subito un ricco buffet ad accoglierci e gli ultimi preparativi da fare.

Dopo una breve e lusinghiera introduzione da parte di Federico prendo la parola. Il mio intervento è durato circa un'ora, all'interno della quale ho toccato diversi argomenti.

Il titolo del mio intervento è stato: Il talento nel settore giovanile: Obiettivo Produttività.

Ho mostrato la realtà del nostro movimento cercando di rispondere ad alcune domande: Dove sono i fuoriclasse italiani? Perché il nostro movimento non riesce più a produrre "top player"? Dove sono i Totti, i Baggio, i Del Piero, i Pirlo, i Cannavaro, i Maldini e i Nesta del presente e del futuro?.

Il Relative Age Effect (RAE) con tanti dati per diverse fasce di età, Le selezioni sbagliate e le statistiche annesse, gli obiettivi fuorvianti su cui tutti sono concentrati, la mancanza di produttività, le metodologie poco efficaci attuate con i ragazzi e il confronto impietoso con le realtà estere più all'avanguardia. L'intero contesto che ci ha fatto rimanere  fermi all'età della pietra.

Ho parlato di tutto questo e l'ho provato a fare nel modo più appassionante e spontaneo possibile, perché servono nuovi sentieri e nuove soluzioni.

La Juventus si è dimostrata ancora una volta il club più importante del nostro movimento, aperto al confronto, curioso e propenso al futuro e all'innovazione.

Sono fiero ed orgoglioso di questa opportunità che mi è stata data. Per me è stato un momento di crescita personale da cui ho anche ricavato nuovi spunti e riflessioni.

Vorrei ringraziare tutti coloro che credono nel mio percorso e in un calcio italiano diverso. Un mattone alla volta costruiamo il cambiamento.

Confucio una volta disse: " chi crede di farcela e chi crede di non farcela, spesso finiscono con l'avere entrambi ragione".

Continuo a spingere guidato da passio

ne e amore per questo gioco. Questa grande soddisfazione ce la teniamo stretta.

La vita e le sue sorprese. A proposito di sorprese, guardate un po' che regalo speciale...

 

A presto.

Daniele

img20200224193604566-1607673895.jpg
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. 
Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder